Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dichiarazioni di valore

 

Dichiarazioni di valore

DICHIARAZIONE DI VALORE EX ARTICOLO 10 DELL'ACCORDO DI VILLA MADAMA

Su richiesta degli interessati e su presentazione dei titoli di studio in originale e del diploma supplement, la Cancelleria Consolare dell'Ambasciata rilascia una Dichiarazioni di Valore relativamente alle lauree in Sacra Teologia, Sacre Scritture conseguite presso le Facoltà approvate dalla Santa Sede nonché ai diplomi che si conseguono nelle Scuole Vaticane di Paleografia, Archivistica e Diplomatica documentaria nonché di Biblioteconomia, ai sensi dell’ Art. 10 dell’ Accordo di Villa Madama del 1994.

 

DICHIARAZIONE DI VALORE DEGLI ALTRI TITOLI

Per quanto riguarda gli altri titoli di studio si ricorda in primo luogo che la Convenzione di Lisbona sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all'insegnamento superiore nella Regione europea dell'11 aprile 1997 (ratificata con Legge 11 luglio 2002, n. 148) ha introdotto nell'ordinamento italiano il concetto di riconoscimento finalizzato, superando ed abrogando la previgente procedura di equipollenza ed indicando differenti percorsi amministrativi in funzione dello scopo per cui il riconoscimento del titolo estero viene richiesto.

Per una piu' approfondita disamina delle attuali forme di riconoscimento attualmente in vigore si rimanda alla lettura di quanto schematicamente riportato sul sito del Centro di Informazione sulle Mobilita' ed Equipollenze Accademiche (CIMEA), istituito in ottemperanza agli obblighi discendenti dalla predetta Convenzione: www.cimea.it

Al riguardo, si ricorda innanzitutto che la competenza per il riconoscimento dei cicli e dei periodi di studio svolti all'estero e dei titoli di studio stranieri, ai fini dell'accesso all'istruzione superiore, del proseguimento degli studi universitari e del conseguimento dei titoli universitari italiani, e' attribuita alle singole Universita' ed agli Istituti di istruzione universitaria, che la esercitano nell'ambito della loro autonomia e in conformita' ai rispettivi ordinamenti, fatti salvi gli accordi bilaterali in materia. Tale procedura non trasforma il titolo estero di scuola secondaria in un titolo italiano ma consente l'ingresso a corsi di laurea e post-laurea.

Esistono inoltre procedure di riconoscimento finalizzate alla valutazione di titoli esteri nel sistema italiano per scopi non accademici svolte da diverse amministrazioni dello Stato, come nel caso delle professioni "regolamentate", il cui esercizio cioe' e' regolato dalla legislazione nazionale. La legge stabilisce sia il titolo di studio indispensabile sia i successivi requisiti di addestramento alla pratica della professione e le norme di deontologia professionale. Coloro che sono in possesso di un titolo professionale estero devono ottenerne il riconoscimento dalla competente autorita' italiana allo scopo di poter esercitare legalmente in Italia la professione corrispondente.
Per "titolo professionale" si intende quello che da' diritto nel Paese che lo ha rilasciato, ad esercitare una determinata professione regolamentata.
Per maggiori informazioni e' stato istituito un Centro di assistenza per il riconoscimento delle qualifiche professionali presso la il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Tel. 06 67795322 - 5210; e-mail: centroassistenzaqualifiche@politicheeuropee.it).

In sostanza, quindi, la Dichiarazione di Valore e' un documento informativo che ha la funzione di assicurare la massima trasparenza e consentire alle pubbliche amministrazioni di volta in volta competenti di valutare compiutamente il titolo per il quale viene chiesto il riconoscimento.
La DV non implica di per se' alcun riconoscimento ne' produce effetti giuridici cogenti, immediati e automatici.
La sua stessa natura informativa suggerisce l'opportunita' di riportare liberamente e discrezionalmente al suo interno tutte le ulteriori informazioni sul titolo, sul titolare del titolo e sulla istituzione estera che si ritengano utili per consentire alle istituzioni universitarie e alle altre amministrazioni italiane competenti tutti gli elementi per una compiuta e libera valutazione del titolo in oggetto.

A questo riguardo, si segnala che anche la sentenza n. 4613 del 4/9/07 del Consiglio di Stato, nel ribadire la liberta' delle pubbliche amministrazioni di valutare i titoli esteri, indirettamente attribuisce alla DV un formato aperto, che puo' essere integrato anche da contatti diretti tra amministrazioni e rappresentanze consolari. La sentenza stabilisce che "[...] alla Dichiarazione di Valore non puo' essere riconosciuto un ruolo decisivo e discriminante. Infatti, la P.A. ha l'obbligo di motivare le sue decisioni con riguardo ai contenuti formativi del diploma, non semplicemente in relazione ad aspetti estrinseci rispetto alle competenze ed alle abilita' professionali attestate dal titolo, quale formalmente e' la Dichiarazione di Valore, ma sulla base di una valutazione sostanziale, mediante l'impiego (da valutarsi caso per caso da parte del responsabile del procedimento) di tutti gli strumenti istruttori normalmente disponibili (inclusa la corrispondenza diretta e/o diplomatica, considerata tuttavia nel suo aspetto ordinario di fonte di informazioni non aventi carattere esclusivo o infungibile)".

Si segnala infine che presso il gia' citato CIMEA e' attivo il Credential Information Service (CIS), che rilascia un Attestato di Comparabilita' di un titolo di studio estero, che svolge in parte funzioni analoghe a quelle della DV. Tale attestato, nel fornire informazioni riguardo al titolo, non ne garantisce pero' l'autenticita'. Alla luce di cio' e in considerazione della discrezionalita' che ogni amministrazione ha nel valutare i titoli esteri, l'attestato di comparabilita' non sempre viene ritenuto sufficiente e dunque tanto i Ministeri competenti per il riconoscimento delle qualifiche professionali, quanto numerose istituzioni accademiche richiedono che gli istanti presentino anche la DV.
E' opportuno in ogni caso suggerire a coloro che presentano istanza di DV di effettuare le opportune verifiche con il CIMEA (info@cimea.it) e con la pubblica amministrazione che dovra' valutare il titolo, in modo da accertare preventivamente se la DV sia assolutamente necessaria o se sia sufficiente la presentazione dell'attestato di comparabilita' rilasciato dal CIMEA.

In caso di richiesta della DV da parte di altre Pubbliche Amministrazioni italiane si prega di presentarsi muniti di titoli di studio in originale e diploma supplement nonchè del documento di riconoscimento in corso di validità, previo appuntamento tramite applicativo Prenota Online.

 


45