Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

In linea con l'utente

 

In linea con l'utente

Benvenuto,

in ottemperanza alle misure per il contenimento dell'emergenza sanitaria da Covid-19, i tempi di lavorazione potrebbero subire ritardi, tuttavia si cercherà di assicurare al meglio il servizio richiesto relativo al settore Legalizzazioni titoli di studio.

Si invitano gli utenti ad attenersi alle seguenti indicazioni:

 

LEGALIZZAZIONE

Il titolo di studio va presentato in originale, già vidimato dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica e legalizzato dalla Segreteria di Stato vaticana. L’Ambasciata d’Italia legalizza infatti la firma dell’Officiale della Segreteria di Stato.

 

Prenotazioni:

Si potrà prenotare il servizio consolare di legalizzazione della firma del funzionario della Segreteria di Stato vaticana apposta sui titoli rilasciati dalle Università Pontificie riconosciute e da far valere in Italia, nonché il rilascio eventuale della relativa dichiarazione di valore, attraverso il servizio PrenotaOnline (a cui si accede collengandosi al seguente link https://prenotaonline.esteri.it/Login.aspx?cidsede=100134&returnUrl=//). L'appuntamento dovrà essere preso a nome del possessore del titolo di studio.

 

Consegna e ritiro documenti da legalizzare: 

E’ possibile inviare i documenti richiesti per posta allegando una busta pre-affrancata per la restituzione.

In alternativa, il richiedente potrà consegnare personalmente una busta con i documenti all’ingresso dell’Ambasciata indicando nella busta “Settore Legalizzazione titoli di studio” (sempre previa richiesta di appuntamento con e-mail) che potrà essere ritirata a lavoro ultimato.

L'appuntamento dovrà essere preso a nome del possessore del titolo di studio. E’ possibile delegare un'altra persona con delega su carta semplice (in originale) e una fotocopia del documento di identità del delegante.

ATTENZIONE: la Dichiarazione di Valore può essere rilasciata solo ove sia documentabile la richiesta da parte di altra Pubblica Amministrazione italiana. Si ricorda infatti che la Dichiarazione è un documento dal valore meramente ausiliario al riconoscimento dei titoli di studio. Si ricorda che l’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede è competente solo per i titoli di studio rilasciati da Universita’ Pontifice con sede nello Stato della Citta’ del Vaticano e in Italia. da far valere in Italia. Per i titoli da far valere in altri Paesi, dovrà rivolgersi all'Ambasciata competente presso la Santa Sede di quel Paese (es. titolo rilasciato dalla Pontificia Università Gregoriana da far valere in Spagna dovrà essere legalizzato dall'Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede). Titoli rilasciati in altri Paesi da Università collegate alla Santa Sede, dovranno essere presentati all'Autorità consolare italiana in quel Paese (es. titolo di studio rilasciato da un’Università Pontificia con sede a San Paolo del Brasile dovrà essere presentato al Consolato Generale d'Italia a San Paolo).

 

Dichiarazioni di valore

Nel dubbio se sia necessaria la Dichiarazione di Valore, potrà effettuare le opportune verifiche con il CIMEA (info@cimea.it) e con la Pubblica Amministrazione che dovrà valutare il titolo di studio, in modo da accertare preventivamente se la D.V. sia necessaria o se sia sufficiente la presentazione dell'attestato di comparabilità rilasciato dal CIMEA.

In caso di richiesta di Dichiarazione di Valore presso l’Ambasciata d’Italia, bisognerà presentare, oltre al titolo in originale, anche l'elenco dettagliato degli esami sostenuti (diploma supplement), anch’esso già legalizzato dalle due Istituzioni vaticane (v. sopra) e copia di un documento in corso di validità dell’interessato.

 

Tariffe:

Il servizio prevede il pagamento della percezione consolare, i cui costi sono € 24 per ogni documento legalizzato e di € 41 per la dichiarazione di valore (ad esempio, richiedendo la legalizzazione del diploma e del certificato esami + la dichiarazione di valore, il costo totale sarà di € 89).

 

Modalità di pagamento dei servizi

Il pagamento delle percezioni consolari dovrà essere effettuato in anticipo con bonifico bancario al seguente IBAN dell’Ambasciata:
IT03I 03069 03235 1000000 14057

ATTENZIONE: Il pagamento a mezzo bonifico è riservato ai soli casi in cui l'utente spedisca per posta la propria documentazione.
Nel caso in cui l’utente si rechi personalmente in Ambasciata, il pagamento dovrà essere effettuato, preferibilmente, in contanti all'atto dell'ottenimento del servizio richiesto. Ove si volesse in alternativa effettuare il pagamento tramite bonifico bancario, tale operazione dovrà essere effettuata almeno tre giorni prima della data fissata per l’appuntamento.

 

Si precisa, ad ogni buon fine, che questa Ambasciata non si occupa dei processi di riconoscimento dei titoli, procedura che deve essere attivata presso il Ministero competente (in genere il MIUR o il Ministero della Salute). Sul sito web del CIMEA http://www.cimea.it/it/servizi/procedure-di-riconoscimento-dei-titoli/procedure-di-riconoscimento-dei-titoli-overview.aspx sono indicate le procedure di riconoscimento secondo la finalità desiderata e gli Uffici competenti.


22