Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione economica

 

Cooperazione economica

Cooperazione Economica-Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale


Negli ultimi anni, il Governo ha accelerato i processi di riforma, introducendo innovazioni strutturali di lungo termine in diversi settori quali governance, finanza e fisco, giustizia e mercato del lavoro. Un impianto bancario efficiente, un sistema burocratico e giudiziario funzionante ed un mercato del lavoro flessibile comportano un effettivo alleggerimento degli aggravi per la comunita' e garantiscono un quadro di certezza giuridica, migliorando il business climate e favorendo l'attrazione di investimenti esteri.

In questo contesto si inserisce il primo numero della Newsletter in lingua inglese del Ministero dell'Economia e delle Finanze "The Narrow Path" (si veda allegato), volta ad aggiornare un pubblico professionista sulle principali riforme e sull'andamento della congiuntura economico-finanziaria dell'Italia.

"The Narrow Path"

Il 26 Aprile 2018, l'Italia ha inserito nel Documento di Economia e Finanza il nono numero del Narrow Path, dedicato agli indicatori del benessere. Rispetto ai numeri precedenti sono state affrontate nuove tematiche, tra le più importanti occorre menzionare  il Sistema Pubblico di Identità Digitale  (SPID), proposto dallo Stato Italiano (secondo in Europa dopo la Germania) alla Commissione Europea con lo scopo di permettere di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un'unica identità digitale, e la strategia "Connettere l'Italia". Quest'ultima è stata adottata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per ergere il nostro Paese ai livelli europei, anche attraverso l'armonizzazione della legislazione nazionale con quella comunitaria. Il piano si è concretizzato in quattro grandi aree strategiche: un nuovo Codice degli Appalti, un numero elevato di finanziamenti destinati alle infrastrutture ferroviarie, riduzione del numero di Autorità Portuali contemporaneamente all'introduzione del Marenobus per incentivare il trasporto delle merci via mare e decongestionare il traffico stradale e autostradale, e infine la creazione di un nuovo Fondo destinato al rinnovamento del Trasporto Pubblico Locale. Per ulteriori approfondimenti, si veda l'allegato che segue.

The Narrow Path 9

 


27